Panoramica:

martedì 8 dicembre 2009

Nel Sud della Germania, 7000 anni fa, le prove di un cannibalismo di massa ?


Giornali e siti nel mondo ne stanno parlando e forse è difficile trarre conclusioni definitive. Quando si parla di cannibalismo, in fatto di paleontologia, infatti la tentazione del lancio della notizia clamorosa, è sempre in agguato. Però certo lo studio è serio, e merita attenzione.

Un ritrovamento di resti umani nel sud-est della Germania mostrerebbe che in Europa settemila anni fa si praticava il cannibalismo di massa. E' quanto scrive la rivista Antiquity, citata dalla Bbc.
Un gruppo di archeologi guidati da Bruno Boulestin dell'Universita' di Bordeaux ha analizzato i resti di oltre 500 corpi del Neolitico ritrovati nel villaggio di Herxheim, tra il 1996 e il 2008. In base a quanto rivelato dall'archeologo, le ricerche effettuate dal gruppo mostrano che le ossa sono state tagliate e spaccate deliberatamente, un atto che indica il cannibalismo.
''Abbiamo trovato gli stessi metodi utilizzati per cucinare allo spiedo gli animali anche sui resti umani'', ha detto Boulestin che ha parlato anche di segni lasciati dai denti sulla carne. Lo stesso archeologo ha però precisato che è piuttosto difficile dimostrare che le ossa siano state cucinate deliberatamente.
Tra i resti figurano anche quelli di bambini e di feti.
Tuttavia, alcuni scienziati respingono la teoria del cannibalismo suggerendo che il taglio di parti del corpo potesse invece far parte di un rito per la sepoltura.

 
tratto da: http://mysterium.blogosfere.it/

0 commenti:

Posta un commento

lasciate pure i vostri commenti! oppure scriveteci per email: a370gradi@yahoo.it

Vetrina Aggiornamenti

Iscriviti per email

Archivio Blog

Blog Archive