Panoramica:

lunedì 19 gennaio 2009

ANTARTIDE: ITALIANI SCOPRONO RESTI DI IMPATTO EXTRATERRESTRE


Non c'e' traccia del cratere, eppure un impatto terribile sulla terra e' avvenuto circa 800.000 anni fa, scagliando detriti a distanza di migliaia di chilometri. Oggi un gruppo internazionale di ricercatori del Programma Nazionale delle Ricerche in Antartide (PNRA) ha trovato in Antartide frammenti di crosta terrestre che documentano questo evento catastrofico, e la sua ampiezza, che fino ad oggi sembrava limitata ai paesi del sud est asiatico. 'Nel corso della Campagna Antartica del 2006 del PNRA abbiamo raccolto molti microtektiti, ovvero degli schizzi vetrosi di crosta continentale che e' stata fusa a causa dell'impatto di un asteroide o di una cometa - dice Luigi Folco, responsabile delle ricerche presso il Museo nazionale dell'Antartide dell'Universita' di Siena -. Abbiamo analizzato i frammenti raccolti e oggi sappiamo che questi detriti derivano da un evento gia' noto agli studiosi, avvenuto quasi un milione di anni fa, del quale non e' stato ancora possibile trovare il cratere. I detriti sono stati scagliati fino ad una distanza di 11.000 chilometri, essendo presenti in molti paesi dell'Indocina, in Australia e, oggi lo possiamo dire, anche in Antartide. Il fenomeno - gia' conosciuto come il piu' violento dei recenti impatti cosmici della storia del nostro pianeta - e' stato dunque molto piu' esteso di quanto si potesse sospettare. Ed e' veramente strano che il cratere non sia visibile sulla crosta terrestre. Questo, per ora, rimane un vero e proprio mistero scientifico'. La ricerca sta avendo un'ottima risonanza in ambito scientifico internazionale, essendo stata pubblicata dall'importante rivista Geology e ripresa da Discovery Channel. La scoperta dei frammenti e' stata fatta sulle cime delle Montagne Transantartiche in Terra Vittoria, da Luigi Folco e Pierre Rochette. Oltre a Folco, del Museo Nazionale dell'Antartide, sezione di Scienze della Terra dell'Universita' di Siena, collaborano all'analisi dei frammenti Pierre Rochette dell'Universita' di Aix-Marseille 3, Natale Perchiazzi e Massimo D'Orazio dell'Universita' di Pisa, Marinella Laurenzi del CNR - Pisa, e Massimo Tiepolo del CNR-Pavia.

2 commenti:

E' troppo complicato telo spiego a lavoro...

Questi misteri sulle avvistamenti dei ufo, credo che ci sia paca gente che ci crede veramente.
Questa notizia però fa riflettere se è veramente vera...
Tomaso

Posta un commento

lasciate pure i vostri commenti! oppure scriveteci per email: a370gradi@yahoo.it

Vetrina Aggiornamenti

Iscriviti per email

Archivio Blog

Blog Archive