Panoramica:

martedì 4 gennaio 2011

Sapiens di 400.000 anni fa?

È presto per dire qualsiasi cosa. Ma quegli otto denti ritrovati in Israele e datati fino a 400.000 anni fa sembrano proprio appartenere a ominidi della nostra specie, Homo sapiens. Se questo dato verrà confermato, la scoperta sarebbe una pietra miliare. Primo, perché anticiperebbe la comparsa dell’Uomo anatomicamente moderno di ben 200.000 anni; secondo, perché sposterebbe il luogo di origine dall’Africa al Vicino Oriente.

A dare la sensazionale notizia dalle pagine dell’American Journal of Physical Anthropology sono gli archeologi Avi Gopher e Ran Barkai dell’Università di Tel Aviv, e l’antropologo Israel Hershkowitz della Sackler School of Medicine. I denti, che potrebbero quindi essere i più antichi fossili di Homo sapiens nel mondo (tra i 400.000 e i 200.000 anni fa), sono stati ritrovati nella cava di Qesem, a una dozzina di chilometri a est di Tel-Aviv.

I ricercatori hanno eseguito analisi morfologiche attraverso tomografie e raggi X. I risultati mostrano che la forma dei denti (un tratto distintivo specie-specifico) è molto simile a quella degli esseri umani moderni; inoltre, vi è una forte somiglianza anche con altri reperti, trovati sempre in Israele (nella cava di Skhul a Carmel e nella cava di Qafzeh, vicino Nazareth), datati intorno ai 100.000 anni fa e attribuiti a H. sapiens.

Nella cava di Qesem sono state anche rinvenute le prove della produzione sistematica di selce lavorata, dell’uso del fuoco, di caccia e di lavorazione degli animali. Ciò rinforza l’ipotesi che questi comportamenti siano comparsi con l’uomo moderno. Anche l’ipotesi di un’origine nel Vicino Oriente o in Europa, anziché in Africa, diviene più forte. Gli scavi intanto proseguono: serviranno infatti altre prove per confermare il valore della scoperta.

Fonte

0 commenti:

Posta un commento

lasciate pure i vostri commenti! oppure scriveteci per email: a370gradi@yahoo.it

Vetrina Aggiornamenti

Iscriviti per email

Archivio Blog

Blog Archive