Panoramica:

venerdì 24 dicembre 2010

Laboratorio giapponese crea "topi cantanti"

Nel corso degli ultimi anni ne abbiamo viste di tutti i colori: animali modificati geneticamente per brillare nel buio, o salmoni divenuti ipertrofici grazie a cambiamenti effettuati sul loro patrimonio genetico. Alcuni di questi interventi sul DNA animale potrebbero sembrare privi di un'utilità immediata o pratica, come nel caso dei topi modificati geneticamente modificati dall' Università di Osaka, ma sono in realtà molto utili per capire le dinamiche dell'evoluzione.

I topi dell' "Evolved Mouse Project" sono stati geneticamente modificati per studiare l'evoluzione dei cambiamenti genetici nel corso del tempo. "Le mutazioni sono la forza che guida l'evoluzione. Abbiamo incrociato i topi geneticamente modificati per generazioni, per vedere cosa sarebbe successo" spiega Arikuni Uchimura, a capo del team di ricerca di Osaka.

"Abbiamo controllato i topi uno per uno. Un giorno, abbiamo trovato un topo che cantava come un uccello. Ero sorpreso perchè mi aspettavo topi con diversità di tipo fisico" dice Uchimura, riferendosi ad alcuni topi coinvolti nello stesso esperimento che mostravano arti più corti, o code differenti dai topi tradizionali. Ma il topo cantante è stato un risultato del tutto nuovo e inaspettato.

Il laboratorio è ora in possesso di oltre 100 topi cantanti, disponibili per ricerche future. Il team spera di poter ottenere indizi su come il linguaggio umano si sia evoluto nel corso del tempo, un tipo di ricerca che continua ormai da anni sugli uccelli. Come l'essere umano comunica sfruttando diversi suoni, infatti, anche gli uccelli sono in grado di fare lo stesso, e seguono una sorta di regole linguistiche per emettere i loro canti.

Ma i topi sembrano essere meglio degli uccelli, per via della loro somiglianza con gli esseri umani. "I topi sono meglio degli uccelli perchè sono mammiferi, e molto più vicini agli esseri umani per struttura cerebrale e altri aspetti biologici" spiega Uchimura. "Stiamo ora studiando come i topi che emettono suoni abbiano effetti su topi tradizionali dello stesso gruppo sociale...in altre parole, se questo canto ha connotazioni sociali".

Il canto di questi topi, infatti, sembra mutare in intensità in base alla situazione. In presenza di femmine, sembra che i topi cantino più forte, un indizio del fatto che questo comportamento potrebbe esprimere emozioni o condizioni fisiche.
I topi normali cresciuti assieme a quelli cantanti, inoltre, sembrano emettere meno ultrasuoni rispetto al solito, cosa che fa pensare che i metodi di comunicazione si possano diffondere nello stesso gruppo come un dialetto.

"So che le persone potrebbero dire 'è assurdo'" dice Uchimura, "ma sto facendo questo nella speranza di creare un Mickey Mouse, prima o poi".


Fonte

0 commenti:

Posta un commento

lasciate pure i vostri commenti! oppure scriveteci per email: a370gradi@yahoo.it

Vetrina Aggiornamenti

Iscriviti per email

Archivio Blog

Blog Archive