Panoramica:

lunedì 8 novembre 2010

Il Lariosauro - il mostro del lago di Como

Forse molti non sanno dell'esistenza di un Mostro di Loch Ness prettamente Italiano.
Si chiama Lariosauro (detto anche mostro del Lario o più confidenzialmente Larrie) a si presume che abiti nelle acque del lago di Como (sito nelle provincie di Lecco e Como).
E' il terzo lago più grande d'Italia, di origine glaciale e profondo 416 metri (uno dei più profondi in Italia).

La storia/leggenda nasce dal ritrovamento nel 1980 da parte di uno scopritore (Giuseppe Balsami) di un fossile di un animale risalente al periodo del Triassico (230 milioni di anni fà) che abitava realmente le acque di questo lago.
Da qui appunto il nome Lariosauro.


Nel 1964, dalla sponda settentrionale del lago, due cacciatori (Carlo Bonfanti e Amilcare Dolcioni) affermarono di aver avvistato il mostro, con testa grossa, squame rossastre e di dimensioni all'incirca sul metro e di avergli sparato coi loro fucili ma senza nessun risultato, il mostro si sarebbe riemerso in fretta nelle acque del lago per scomaprire del tutto alla loro vista.

Numerosi, da allora furono gli avvistamenti di Larrie e i giornali italiani come "Il corriere delle sera"e "La domenica del corriere"( Milano), "La nazione del popolo"(Firenze) e molti altri, riportarono notizie su questo argomento e riguardo ad altri avvistamenti di strani esseri all'interno del lago.
Spesso erano bufale (una volta è stato addirittura messo un pallone gonfiabile nel lago e mandato alal deriva) o comunque invenzioni dei giornali per creare una leggenda.
Sono stati avvistati esseri con la testa a forma di cavallo, animali con le zampe palmate, pescati grossi pesci e coccodrilli immensi.

Uno dei più recenti avvistamenti di Larrie è avvenuto nel 2003 quando un utente di un forum, in internet, ha sostenuto di aver visto nel lago, guardando dal Monte Barro una creatura sui 10-12 metri (molto più lunga tra l'altro delle precedenti descrizioni di Larrie).
Questi ha sostenuto che fosse realmente il mostro ma chi ha indagato ha pensato che l'uomo avesse visto un branco di pesci.

Il mostro Larrie è stato anche pubblicato in una storia di Paperino e ripreso da molti scrittori, inoltre è stato utilizzato anche come marchio di un ristorante.

“era faa cumè un’anguila, l’era gross cume un batèll e’l majava tücc i stell, una bissa incatramata, cun la buca sbaratada e cui öcc dell’oltrummuund… un mustru, ma l’era mea el film de l’uratori un mustru, vegnüü’n de un teemp che l’era piö el so, ho vedüü el mustru, ho vedüü el mustru”, il testo di una canzone del menestrello comasco Davide Van de Sfroos…"
Il mistero di Larrie rimane irrisolto e chissà se mai qualcuno riuscirà a scoprire questo mistero che si nasconde in fondo al lago.


Fonte

0 commenti:

Posta un commento

lasciate pure i vostri commenti! oppure scriveteci per email: a370gradi@yahoo.it

Vetrina Aggiornamenti

Iscriviti per email

Archivio Blog

Blog Archive