Panoramica:

lunedì 12 gennaio 2009

MARTE ERA RICOPERTO PER UN TERZO DA UN OCEANO

DI
http://cristallocosmico.blogspot.com/

Un grande oceano, poco profondo e venti volte piu' esteso del Mediterraneo, occupava per un terzo la superficie di Marte.Accanto ad esso esisteva un secondo oceano, molto piu' piccolo e giovane.Dopo quasi vent'anni di sospetti, ipotesi e prove indirette, un gruppo internazionale del quale fa parte l'Italia ha finalmente scoperto l'evidenza piu' convincente nella firma biochimica lasciata da quell'oceano nei sedimenti analizzati dallo spettrometro Grs (Gamma Ray Spectrometer), a bordo della sonda americana Mars Odissey e progettato per esplorare il sottosuolo di Marte fino a una quarantina di centimetri utilizzando i raggi gamma."I nuovi indizi che abbiamo analizzato sono convincenti", dice Gian Gabriele Ori, direttore della Scuola internazionale di scienze planetarie (Irsps) dell'universita' d'Annunzio di Pescara e coautore con il geologo planetario James Dohm, dell' universita' dell'Arizona, della ricerca pubblicata sulla rivista Planetary and Earth Science.Lo studio e' stato svolto in collaborazione con gruppi canadesi, spagnoli e sud-coreani.Che buona parte della superficie di Marte fosse occupata da un oceano si sospettava dal 1991 e nel giugno 2007 erano state fornite le prime evidenze sulla base della morfologia. "Ma adesso sono stati scoperti e analizzati i sedimenti", spiega Ori. "Parlare anche solo dieci anni fa della presenza di laghi poteva sembrare un'eresia, mentre ormai la passata presenza di acqua e' ormai cosa accertata, e le evidenze convergono sull'idea della presenza di un vero e proprio oceano", osserva l'esperto italiano."Abbiamo confrontato i dati del Grs riferiti al potassio, al torio e al ferro, acquisiti al di sopra e al di sotto di un'ipotetica linea di costa che demarcherebbe un antico oceano che ricopriva circa un terzo della superficie di Marte", spiega Dohm. "E un'altra ipotetica spiaggia - prosegue lo studioso - delineerebbe un oceano piu' interno, piu' giovane e meno esteso".Capire come e quando l' acqua sia esistita su Marte e' un problema strettamente legato alla possibilita' di capire se, come e in quale epoca la vita potrebbe essersi sviluppata sul pianeta rosso. Di conseguenza, se l'emisfero settentrionale di Marte, dove si trovava l'oceano, potrebbe essere un luogo interessante nel quale far atterrare future missioni spaziali volte a cercare tracce di vita.

1 commenti:

Questa notizia è vecchi come il cucco!

Posta un commento

lasciate pure i vostri commenti! oppure scriveteci per email: a370gradi@yahoo.it

Vetrina Aggiornamenti

Iscriviti per email

Archivio Blog

Blog Archive